Regalaci un Like sulla nostra pagina, a te non costa nulla. Grazie.

Probabilmente chi possiede un blog o un sito web, prima o poi, si troverà di fronte al problema di spostare un sito WordPress su nuovo hosting. Perchè spostare un sito su un nuovo hosting? Non c’è un motivo preciso, solitamente le “cause” possono essere problemi con il precedente provider oppure un passaggio ad un hosting più performante ecc. La cosa importante però da tenere in mente è che spostare un sito WordPress su nuovo hosting, se fatto nel modo sbagliato, può provocare danni anche a livello di indicizzazione.

Proprio per questo motivo ho deciso di scrivere questa guida per aiutarvi nello spostare un sito WordPress su nuovo hosting. La guida spiega come spostare un sito WordPress su nuovo hosting nel modo corretto evitando di fare danni a livello di indicizzazione.

spostare un sito WordPress su nuovo hosting

Step 1 [Trasferimento del dominio]

  1. Controllare che il precedente provider non abbia impostato su locked il trasferimento del dominio (se intendete trasferire anche il dominio). Se così fosse bisogna sbloccare prima il trasferimento dal pannello di configurazione del dominio dal sito del precedente provider.
  2. Se tutto è andato a buon fine, arriverà una mail da parte di OpenSRS nella quale bisognerà confermare il trasferimento dominio, indicando l’Auth Code (conosciuto anche come EPP Code)
  3. Attendere circa 5 giorni per il completamento del trasferimento (caso domini .com)

 

Step 2 [Trasferimento dati e database dal precedente provider]

  1. Fare il backup di tutto il sito dal cPanel del precedente provider. Una tecnica veloce senza usare i vari FileZilla ecc è quella di utilizzare il tool cPanel. Dal cPanel, entrare su File Manager, selezionare tutti i file contenuti nella cartella public_html e avviare la compressione con il comando compress. Impostare il nome che dovrà avere l’archivio contenente tutti i file della cartella public_html. Una volta effettuata la compressione (ci vorrà qualche istante), scaricare l’archivio appena creato.
  2. Fare il backup di tutto il database dal cPanel del precedente provider. Dal cPanel, entrare in PhpMyAdmin e selezionare lo schema db relativo al sito WordPress. Poi accedere al tab Export, Custom Export, e selezionare tutte le tabelle. Salvare come file sql tutto lo schema. Scaricare il file .sql.
OTG Cavo Adattatore Femmina e Micro USB Host per Samsung Galaxy S2 S3 Note 2 Nexus

 

Step 3 [Cosa fare sul nuovo provider (database)]

  1. Verificare il path dei file all’interno della cartella public_html ed eventualmente sostituire il nuovo path a quello del precedente provider nel file .sql del database. di path home1/nomesito1/
  2. Creare il database
  3. Creare l’utente
  4. Associare all’utente appena creato tutti i privilegi (utente root)
  5. Aprire il PhpMyAdmin, selezionare lo schema appena creato e aprire il tab Import
  6. Caricare il file .sql salvato dal precedente provider (assicurando di aver corretto il path corretto dei file)
  7. Avviare la procedura di import facendo clic sul tasto Go
  8. Attendere l’import senza muovere nulla (ci vorrà qualche minuto) e verificare che tutto sia stato fatto senza errori.

 

Step 4 [Cosa fare sul nuovo provider (files)]

  1. Aprire il cPanel, entrare in File Manager
  2. Creare una folder di backup per i file impostati di default dal nuovo provider e spostare i file li (solo precauzionale)
  3. Caricare l’archivio creato in precedenza sul vecchio provider (ci vorrà molto tempo di attesa a seconda della dimensione del file)
  4. Extract per scompattare tutto nella cartella public_html del nuovo provider
  5. Editare il file wp_config.php con i nuovi puntamenti al db.

 

Step 5 [Cosa fare sul vecchio provider]

Dopo aver effettuato correttamente il trasferimento sul vecchio provider si può:

  1. Rimuovere tutti i file del sito
  2. Rimuovere tutto lo schema db di wordpress
  3. Fare richiesta di cancellazione del servizio
  4. Controllare di non aver impostato eventuali pagamenti automatici per i rinnovi (su Paypal).

 

Video tutorial

In basso un video veramente molto ben fatto per chiarire meglio le idee. Il video è in lingua inglese ed è molto chiaro e dettagliato.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here